Natural Shopping

INCI: strumenti utili per decifrarli

ImmagineAvete appena scoperto che se leggete con più attenzione l’etichetta dei prodotti cosmetici trovate un lungo elenco di ingredienti, il più delle volte completamente indecifrabile? Benvenuti nel mondo degli INCI!
Con il termine INCI, si intende infatti la lista completa degli ingredienti di cui è composto un prodotto cosmetico.

Ciò che a molti oggi appare ovvio, e cioè sapere quali ingredienti compongono le cose che compriamo, è in realtà una conquista di trasparenza recente, dato che solo dal 1997 è obbligatorio pubblicare gli INCI in Unione Europea.
Ma, a meno che non abbiate intenzione di prendere una laurea breve in chimica applicata, alcuni nomi vi resteranno sempre ostici e oscuri.
E, anche a metterci tutta la buona volontà, scoprirete presto che non è possibile imparare tutto a memoria, ma vi serviranno degli strumenti in grado di decifrare se un componente è terribile come sembra dal nome, oppure è totalmente atossico.

Ad esempio: che cos’è il Sodium Benzoate? Dal nome sembra una cosa brutta e sporca che sa tanto di petrolio. Invece, dopo una piccola ricerca si scopre che è un preservante che si usa tranquillamente nella biocosmesi.

I veri nemici

Perché dovete sapere che una volta che scoprirete come destreggiarvi nella comprensione degli INCI, vi sembrerà inaccettabile spalmare sulla vostra pelle elementi come petrolio e silicone. Ebbene sì: quando leggete Paraffinum Liquidum, Paraffin, Mineral Oil, Petrolatum o Vaseline avete la certezza che il prodotto contiene ingredienti derivati dal petrolio.
Così come se leggete Dimethicone oppure Cyclopentasiloxane siete di fronte a siliconi, abbastanza facili da riconoscere perché i loro nomi terminano sempre con i suffissi -one o -xane. I primi, i derivati del petrolio, lasciano la pelle all’apparenza morbida, ma essendo con essa incompatibili, alla lunga la soffocano, non permettendole di traspirare. I secondi creano un film su pelle e capelli che li faranno apparire lucidi e nutriti, quando in realtà subito sotto la superficie i nostri capelli e la nostra pelle si stanno seccando e denutrendo.
Ma i nemici non finiscono qui! Polimeri sintetici, tensioattivi, conservanti, profumi sintetici, coloranti sono tutti elementi potenzialmente allergizzanti e da evitare.

Ordine, innanzi tutto

Ma la lunga lista di ingredienti, bisogna leggerla proprio tutta? In realtà gli ingredienti su cui soffermarsi di più sono i primi.
Nell’indicare gli INCi di un prodotto, infatti, al primo posto si deve posizionare l’ingrediente contenuto in percentuale più alta e a seguire gli altri, fino a quello contenuto in percentuale più bassa. Al di sotto dell’1% gli ingredienti possono essere indicati in ordine sparso.

Guida alla comprensione

Ecco quindi una breve guida per scoprire come orientarsi nel mondo degli INCI tra i vari strumenti utili per decifrarli. Esistono in rete numerosi siti e applicazioni in grado di dirci se un elemento è compatibile con la nostra pelle oppure se è meglio evitare il suo uso. Ecco i più famosi e anche quelli che secondo noi sono i più autorevoli:

  1. Biodizionario
    L’italianissimo e ormai famoso Biodizionario è stato composto con perizia e dedizione da Fabrizio Zago, chimico industriale. La sua consultazione è semplice e basilare: basta inserire uno degli ingredienti che volete analizzare e vi vengono fornite risposte chiare e semplici. Nel sito è nato anche un forum molto partecipato in cui poter leggere e scrivere anche di argomenti che non riguardano strettamente la cosmesi. Il limite? Come specificato dallo stesso Zago nella prima pagina del sito, si tratta di una sua versione dei fatti, che è il risultato di anni di lavoro sul campo, ma non rappresenta una verità assoluta e va spesso interpretata con il buon senso.
  2.  Biotiful
    Più avanzato del Biodizionario, troviamo Biotiful un sito corredato da un’app gratuita scaricabile sul proprio cellulare comodissima da consultare proprio mentre siamo a fare spese. Qui si possono ricercare sia i singoli ingredienti, sia prodotti già analizzati dal sito: in questo modo riceviamo subito a colpo d’occhio un giudizio generale sulla crema o lo shampoo in questione, che può andare da 0 a 5 foglioline verdi e, a seguire, vedere in dettaglio tutti gli ingredienti che lo compongono. I prodotti sono ricercabili sia per nome sia per marca, sia fotografando il codice a barre del prodotto con il proprio cellulare. Un esempio pratico? Ecco l’analisi della nostra crema mani all’extravergine di oliva
  3. INCI OK
    INCI OK è un’app gratuita e scaricabile sul proprio cellulare. Anche qui si possono cercare i singoli ingredienti o i prodotti che ci interessano inserendone il codice a barre. E se un prodotto che cerchiamo non c’è? Lo possiamo inserire noi. Su questo si basa la forza di questa app: la collaborazione di ogni utente. Però, come presto si capirà, questo è anche il suo limite.
  4. Beauty Dictionary
    Altra app gratuita per cellulare. In questa però si possono cercare solo i singoli ingredienti. Può essere utile da utilizzare nel caso volessimo fare ricerche incrociate: ad esempio con Biotiful potremmo farci un’idea generale del prodotto e se un giudizio su un singolo ingrediente non ci convincesse potremmo cercarlo sul Beauty Bictionary. Non sempre però si dimostra affidabile.
  5. Skin Deep
    Affidabile, serio, solido, poderoso: questo sito ci piace molto! Ha al suo interno le recensioni di più di 74mila prodotti ma si possono consultare anche i singoli ingredienti. Non solo ci dà un giudizio sulla loro eco compatibilità ma ci fornisce anche tutte le fonti bibliografiche che confermano quanto da loro affermato. Da poco hanno creato anche un’applicazione per cellulare basata sul sito, la trovate qui. Unico neo? E’ in lingua inglese.
  6. ICEA Check
    Di sicuro le informazioni che troveremo qui sono serie e documentate: si tratta infatti dell’app ufficiale dell’ICEA (L’Istituto per la Certificazione Etica e Ambientale) e si possono fare ricerche sia relative ai cosmetici, sia relative ai cibi. Facile e intuitiva da usare potrebbe diventare la nostra migliore amica nel momento in cui dobbiamo riempire il carello della spesa. Unico neo? Al momento è attiva solo per iPhone.

lasaponaria.it

Annunci

One thought on “INCI: strumenti utili per decifrarli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...